Blog

fallimenti digitali

19 febbraio 2018

Ogni sorso un ricordo”, il progetto musicale che ho realizzato un paio di anni fa grazie alla collaborazione con Miky Marrocco, non è più disponibile su Spotify e sulle altre piattaforme di streaming a causa del fallimento della società che ne curava la distribuzione digitale. La cosa mi dispiace e spero che in futuro troveremo altre strade per ridare all'album la massima diffusione. Nel frattempo tutti i brani sono comunque sempre ascoltabili su YouTube.

[clicca qui per ascoltare l'album su youtube]


 

l'atto meno politico è il voto elettorale

15 febbraio 2018

"In questa democrazia l'atto meno politico è il voto elettorale" ha scritto qualche  giorno fa il bravissimo giornalista Sebastiano Caputo. Personalmente credo sia la cosa più sensata che si sia sentita in questi giorni di isteria elettorale.
Se negli anni '90 si diceva “voti ogni volta che fai la spesa”, oggi il discorso è ancora più ampio e si vota ogni volta che si prende in mano il proprio cellulare o che si mette il naso fuori di casa. Oggi ogni click su un social network è un voto: guardare un determinato video o commentare un determinato post significa dargli visibilità all’interno dei vari algoritmi e di conseguenza spingere una certa visione del mondo o una certa sensibilità piuttosto che un'altra. Uscire di casa per partecipare a un evento di qualunque tipo significa dargli rilevanza e, di conseguenza, permettere o meno di continuare a esistere alle idee e all’approccio umano che quel tipo di evento può rappresentare. E ovviamente, sia nel primo caso che nel secondo, non parlo necessariamente di cose che abbiano un contenuto politico: anche il modo in cui si affrontano i discorsi più leggeri e quotidiani fa una differenza enorme.
Nel pantano politico di oggi in cui i partiti (nessuno escluso) non generano idee ma si limitano a inseguire il consenso della massa mentre le decisioni che contano vengono prese altrove, questa miriade di voti che diamo di continuo hanno infinitamente più peso della crocetta che si andrà (o non si andrà) a mettere su una scheda elettorale. Imparare a gestire tutti questi voti in modo costruttivo e consapevole resta l'unica vera speranza di poter creare delle alternative, formare delle coscienze a misura di ciò che siamo e, col tempo, condizionare seriamente anche la politica. Il resto purtroppo è solo fumo venduto a carissimo prezzo.

consigli musicali di febbraio

12 febbraio 2018

Prosegue la rubrica mensile sul sito di Rock Targato Italia in cui consiglio tre uscite discografiche recenti.
Questa volta ho scelto di parlare di Paolo Cattaneo, Dunk e Priscilla Bei.

[clicca qui per leggere l'articolo]

 

attraverso noi

6 febbraio 2018
 
Un ragazzo nudo steso su un lettino con degli elettrodi attaccati al petto, una serie di personaggi che si alternano accanto a lui per raccontargli delle storie, e un pubblico raccolto tutt'attorno che, attraverso delle cuffie, ascolta quelle stesse parole accompagnate dal battito del cuore del ragazzo: questo è stato, in sintesi, “Attraverso noi”, la performance ideata da Kevin Bellò all’interno dell’Arcade Festival e realizzata insieme ai ragazzi di Allineamenti a cui ho avuto il piacere di dare il mio piccolo contributo.
E’ stato davvero un grande piacere aprire la serie delle letture con un mio racconto, e credo ne sia uscita una performance molto intima, sussurrata ma al tempo stesso intensa. Recitare accompagnato dal battito del cuore di chi ti ascolta è un'esperienza che ti proietta in un'altra dimensione.
In questi giorni sto anche definendo quello che sarà il mio futuro prossimo. Nel frattempo domenica (11 febbraio), alle 19.00, farò da moderatore a un incontro intitolato “Pandora in poi andrà meglio?” che si terrà a Milano al Ligera (viale Padova 133). Con me sul palco ci saranno Massimiliano Morelli, Francesco Caprini e Paolo Pelizza, più alcune incursioni musicali del bravo Jack Anselmi. Partiremo dal nuovo libro di poesie dello stesso Morelli, che dà anche il titolo all'evento, per discutere di linguaggi espressivi del passato e del futuro.
 

fra gnocchi e lasagne

1 febbraio 2018

Forse l'ho già detto in passato: proprio non ce la faccio a raccontare le cose in tempo reale, senza prima metabolizzarle, come l'era dei social sembra imporre.
L'evento di venerdì scorso al Cinema Gloria mi ha divertito molto: mischiare musica, letteratura e cucina ha creato un'atmosfera estremamente amichevole, ed è stata un'esperienza intrigante riadattare al tema della serata uno dei miei racconti.
Sabato (3 febbraio) alle 20.00 sarò nuovamente a Como, al Chiostrino Artificio, ancora una volta insieme ai ragazzi di Allineamenti, per portare un mio piccolo contributo a una performance artistica molto particolare che si terrà all'interno del festival Arcade: una due giorni creativa e fuori dagli schemi dedicata alle varie forme d'espressione e all'iterazione fra artista e spettatore. Sarà anche questa volta una sfida affascinante.

non si parla con la bocca piena

25 gennaio 2018

Il 2018 sembra essere iniziato, come per buona parte della popolazione italiana, all'insegna dei malanni di stagione. Ora però è tempo di scuotersi dal torpore e iniziare a scaldarsi raccontando nuove storie.
Domani (venerdì 26 gennaio) avrò il piacere di essere insieme ai ragazzi di Allineamenti sul palco del Cinema Gloria di Como (via Varesina, 72) per una serata molto particolare intitolata “Non si parla con la bocca piena”. Si tratta di un vero e proprio show-cooking in cui il lavoro ai fornelli de La Cucina Clandestina sarà interrotto da alcune incursioni musicali e letterarie a tema fra cui anche una mia breve performance inedita. Il tutto si concluderà poi mangiando tutti insieme gli gnocchi cucinati durante la serata.
Si inizia verso le 21 e il costo dell'ingresso è di 8 euro con inclusi gli gnocchi.

[clicca qui per altri dettagli sull'evento]

filippo gatti e giulio casale

16 gennaio 2017

Torniamo a raccontare anche di musica.
L'ultimo scampolo del 2017 ci ha regalato il ritorno discografico di due artisti preziosissimi: Filippo Gatti e Giulio Casale. Ne parlo e ne consiglio l'ascolto in un articolo pubblicato sul sito di Rock Targato Italia.

[clicca qui per leggere l'articolo]

anno nuovo sito nuovo

11 gennaio 2018

La prima piccola novità del 2018 è che ho finalmente dato una rinfrescata alla veste grafica di questo sito e rimesso un po’ in ordine i contenuti delle varie pagine ripescando anche qualche vecchio ricordo. Sullo sfondo ora c'è un selciato di pavé che è sempre un terreno affascinante su cui posare i piedi per muovere prossimamente qualche nuovo passo.

Inizio 2018

8 gennaio 2018

Eccoci qui. Dopo qualche giorno di relax, ripartiamo.
Questa volta ho preferito evitare i classici bilanci di fine anno: mi sembrava troppo complesso farne, in un’annata in cui da un lato si sono silenziosamente chiusi dei capitoli importanti e dall’altro ho praticamente iniziato a reimparare a scrivere.
Dal 2018 mi piacerebbe avere una bella ondata di sano e travolgente caos. Credo sia necessario.


 

Un post condiviso da Roberto Bonfanti (@rob.bonfanti) in data:

15 anni senza il signor g.

1 gennaio 2018

L'1 gennaio di quindici anni fa ci lasciava Giorgio Gaber.
Credo sia scontato sottolineare quanto manchi, in quest'epoca di risposte facili e finti intellettuali di regime, una mente così lucida, scomoda e fuori dalle logiche dominanti del politicamente corretto, ma proprio per questo è tremendamente necessario ricordarlo e soprattutto tornare a immergersi nelle sue parole e fare i conti il suo modo spietato di analizzare la realtà.
Chissà cosa direbbe il signor G. del mondo di questo neonato 2018...