Blog

gli ascolti di marzo 2019

12 marzo 2019

Marzo è, quasi per definizione, un mese di transizione. Sul sito di Rock Targato Italia torno come da tradizione a suggerire tre bei nuovi dischi per accompagnare questi giorni instabili. Questa volta racconto le nuove uscite di Pacifico, dei Nylon e dei Cieli Neri Sopra Torino.

[clicca qui per leggere l'articolo]

parlando di apriscatole

28 febbraio 2019

La serata di “Apriscatole”, nonostante un paio di giustificate defezioni dell'ultimo momento, è andata ben oltre le aspettative. Portare un evento dedicato all'ascolto attento, con musica d'autore e poesia, in un contesto rock come il Legend di Milano era sicuramente una scommessa, ma la risposta è stata splendida con una grande sintonia fra tutte le persone coinvolte e un pubblico attentissimo anche nei momenti più impegnativi.
Artisticamente si sono viste cinque performance di alto livello, con l'eleganza intimista di Icio Caravita, la poesia cruda e intensa di Luca Barachetti, la verve cantautoriale di Andrea Robbiani, le riflessioni mai scontate di Paolo Pelizza e il talento genuino di Luca Il Cairo Zaliani.
Da parte mia, non posso che fare i complimenti a tutti gli artisti coinvolti e ringraziarli per la grande disponibilità e la voglia di esserci che hanno dimostrato. E ovviamente grazie a Francesco Caprini e allo staff di Divinazione per aver ideato tutto questo e avermi voluto al loro fianco.
Un'esperienza assolutamente da ripetere.

apriscatole

20 febbraio 2019

Martedì 26 febbraio al Legend Club di Milano si terrà un evento particolare, intitolato “Apriscatole”, ideato dal sempre vulcanico Francesco Caprini con il supporto mio e dei ragazzi di Divinazione Milano. Sul palco ci sarà la musica di cinque cantautori molto interessanti dallo stile diversissimo fra loro (Alessandro Centolanza, Andrea Robbiani, Caravita, Luca Zaliani e Qualunque), più le poesie di Luca Barachetti e le riflessioni di Paolo Pelizza.
L'idea è quella di creare qualcosa che possa diventare un vero punto d'incontro fra tutti coloro -pubblico e artisti- che sono stanchi della superficialità di un mondo che pretende di giudicare ogni cosa in venti secondi e hanno voglia di confrontarsi, approfondire, scoprire cose nuove e lasciarsi scoprire a propria volta. Un'idea utopica, lo so, ma è giusto provarci.


 

auguri gianni!

14 febbraio 2019

Oggi Gianni Bugno compie 55 anni.
Bugno è stato il vero eroe della mia adolescenza: lo sportivo che ho più amato in assoluto e, in modo del tutto inconsapevole, con il suo stile elegantissimo, il suo spessore umano prima ancora che sportivo, le sue contraddizioni, le sue fragilità, i suoi "vedremo", il suo sguardo eternamente perso ben oltre la linea del traguardo e il suo essere stato l'ultimo campione “antico” in un mondo che in quegli anni stava cambiando troppo rapidamente, un primo maestro di poesia.
Ho avuto per anni il suo autografo nel portafogli, finché il cartoncino che lo conteneva è diventato praticamente illeggibile. Qualche giorno fa, in una notte insonne, mi sono perso a riguardare online dei video di sue vecchie corse e continuo a credere ci sia ancora una carica poetica enorme in quello che è stato il percorso sportivo, nei suoi momenti di smarrimento, nel suo modo di stare in sella e nelle sue mille resurrezioni.
Tanti auguri, Campione!

gli ascolti di febbraio 2019

6 febbraio 2019

Sono giorni di silenzi e malanni di stagione, ma tutt'attorno c'è buona musica. Sul sito di Rock Targato Italia torno anche questo mese a consigliare tre bei dischi recenti da ascoltare, puntanto questa volta su tre album che hanno un'importante dignità letteraria oltre che musicale: i nuovi lavori de Il Rumore Della Tregua, Massimo Volume e Caravita.

[clicca qui per leggere l'articolo]

i colori dell'inverno in radio

29 gennaio 2019

Oggi (martedì 29 gennaio), attorno alle ore 13.30, risponderò a qualche domanda in diretta su Radio Padania. Questa volta però non parlerò di me o dei miei progetti ma solo di buona musica: racconterò la playlist "I colori dell'inverno" e proverò a fare un pochino di luce su quanto di buono si può ascoltare in Italia in questo periodo.

i colori dell'inverno

25 gennaio 2019

Ormai ci abbiamo preso gusto. Dopo "I colori dell'estate" e "I colori dell'autunno", insieme ai ragazzi di Rock Targato Italia abbiamo creato una terza playlist, "I colori dell'inverno", disponibile su Spotify da oggi.
Credo sia una bella fotografia di quanto di buono si può ascoltare in Italia in questi mesi spaziando fra rock, canzone d'autore, new-wave, punk, elettronica e pop. Dentro ci sono canzoni di Caso, Galoni, Giulio Casale, Qualunque, Ground Control, Giorgio Canali, Francesco Sbraccia, La rappresentante di lista, Roberto Casanovi, Amandla, Mercalli, Diaframma, Magar, Simona Norato e Tum.

gli ascolti di gennaio 2019

15 gennaio 2019

In quale direzione soffi il vento in questo 2019 lo devo ancora iniziare a capire. In attesa di scoprirlo, però, riprendiamo qualche vecchia consuetudine suggerendo tre bei dischi sulle pagine di Rock Targato Italia. Oltretutto mi fa piacere inaugurare l'anno parlando di tre album davvero belli e importanti: le nuove uscite di Galoni, Giulio Casale e Organico Ridotto.

[clicca qui per leggere l'articolo]

vent'anni senza fabrizio

11 gennaio 2019

Vent'anni fa ci lasciava Fabrizio De Andrè. Avrei voluto scrivere qualcosa su di lui ma di parole se ne stanno spendendo già tante in queste ore e probabilmente Fabrizio sarebbe il primo a essere irritato dall'immagine accomodante ed educlorata di lui che stanno tramandando i media, così lontana dall'anarchico controverso e irrequieto che era. Per questo ho pensato di lasciare da parte qualunque discorso e ricordarlo semplicemente ripescando il video del piccolo omaggio che ho provato a rendergli un mese fa sul palco del Legend di Milano recitando a mio modo le parole di uno dei suoi brani più crudi e dolorosi. Un omaggio imperfetto, sentito ed emozionato.

aspettando il 2019

28 dicembre 2018

I bilanci non li ho mai saputi fare ma, per qualche motivo inconscio, alla fine di ogni anno sento sempre una vocina che mi sussurra all’orecchio che è necessario provare a tracciarne uno.
Il 2018 è stato un anno in cui ho l’impressione di avere camminato a passi lentissimi, come quando avanzi su un lago ghiacciato cercando a ogni movimento di capire dove mettere i piedi. Però ci sono state diverse cose interessanti e i cinque racconti della serie Storie Contromano hanno tracciato una via che sicuramente, quando sarà necessario, proseguirà.
Dal 2019 non ho proprio idea di cosa aspettarmi. Di certo, se c'è un proposito da fare, mi piacerebbe ritornare a scrivere con un po’ più di continuità, che è la cosa che, a dispetto delle apparenze, negli ultimi anni mi è mancata maggiormente.