Blog

buon 2015!

31 dicembre 2014

Il 2014, per quanto mi riguarda, è stato uno di quegli anni finiti prima ancora di rendermi conto che sono iniziati. Però è stato un buon anno.
E' stato un anno di lavoro intenso che per lunghi tratti mi ha un po' estraniato dalla realtà, specie durante le lunghissime sessioni di (ri)scrittura per cercare di dare una forma compiuta a ciò che vedrà la luce nei prossimi mesi. Ma è stato anche un anno piacevolmente girovago, soprattutto per via del tuor al fianco di Miky Marrocco per promuovere il suo “Nicovid”. Ed è stato un anno in cui non sono mancati gli incontri positivi e i momenti degni di essere ricordati.
Buon 2015 a tutti! E che il nuovo anno possa realizzare almeno qualche desiderio piccolo piccolo...

offerta natalizia

14 dicembre 2014

A Natale anche gli editori diventano più buoni.
Per il periodo delle Feste, Edizioni Del Faro rilancia l'ebook di "Suonando pezzi di vetro" in offerta a 0,99 €.
E' l'occasione per dare un ultimo sguardo al passato, prima di un 2015 che si annuncia pieno di novità.
L'offerta è valida per tutti i formati digitali e per tutti gli store (ibs, amazon, bookrepublic, ecc...).
 

turisti ignoti

10 dicembre 2014

Non mi era mai capitato, in questo periodo dell'anno, di vedere Roma con una veste così poco natalizia, senza nemmeno lo storico mercatino di piazza Navona. E' come se l'amministrazione della Capitale, come in un film di Walt Disney, avesse deciso di cancellare il Natale. In compenso la mia trasferta romana è stata probabilmente una delle più allegre e spensierate di sempre: è stata l'occasione, oltre che per perdermi per qualche ora nell'abituale caos dolce della fiera e stringere qualche mano, per confrontarmi con lo staff di Edizioni Del Faro e definire un futuro ormai prossimo, ma soprattutto per staccare la spina da tutto per un paio di giorni, abbandonarmi ai sorrisi e agli incontri imprevisti che Roma sembra sempre riservarmi, e giocare anche a fare il turista con una guida decisamente fuori dagli schemi. Ci voleva.

l'8 dicembre incontro coi lettori a roma

3 novembre 2014

Ormai è un'usanza a cui sono affezionato, la visita alla fiera di Roma.
Lunedì (8 dicembre), da mezzogiorno alle 14, sarò ospite dello stand di Edizioni Del Faro a "Più Libri Più Liberi" (Roma - Palazzo dei Congressi - zona Eur - stand B20) per l'ormai tradizionale incontro con i lettori.
Sarà, come ogni anno, l'occasione per incontrarsi, conoscersi e fare due chiacchiere in mezzo al caos sempre vitale della fiera. Se siete in zona, passate pure a salutarmi.

un pensiero agli amici liguri

12 novembre 2014

Ci tengo a mandare un pensiero e un abbraccio agli amici liguri contro i quali sembra essersi accanito con particolare ferocia quello che De André chiamava "il tumulto del cielo".
Ogni volta che sono stato nella loro regione ho passato dei bei momenti e anche quest'estate mi è capitato di trascorrere qualche giorno proprio nella zona che oggi è maggiormente colpita dalle intemperie, per cui mi mette molta tristezza vedere le immagini di questi giorni.
Coraggio!

due anni di "suonando pezzi di vetro"

6 novembre 2014

Esattamente due anni fa usciva “Suonando pezzi di vetro”. Probabilmente dovrei scrivere un pensiero a riguardo ma, a dire il vero, in questo momento non ho molta voglia di guardarmi alle spalle. Dunque, per una volta, lascio da parte le riflessioni e mi limito a riproporre un paragrafo del romanzo. Il primo.

"Le magliette sotto alle maglie dei giocatori di calcio: quelle semplicissime t-shirt bianche con una dedica, un messaggio d'auguri o un pensiero particolare scritto a pennarello che a volte i calciatori mostrano, sollevando la maglia da gioco, dopo aver segnato un goal. Ultimamente si usano molto meno rispetto a qualche anno fa, ma a volte mi capita di riflettere sul fatto che, per ogni messaggio mostrato al pubblico e alle telecamere, ce ne saranno sicuramente decine e decine che nessuno ha mai potuto vedere e sono rimasti nascosti sotto alla divisa da gioco perché il giocatore, almeno in quella partita, non ha segnato nessun goal. E' incredibile provare a immaginare quanti auguri, quante sbruffonate e quanti pensieri dolci, nel corso degli anni, a causa di un goal mancato, devono essere rimasti ad assorbire sudore a stretto contatto con la pelle senza poter esplodere e mostrarsi al mondo. Bisognerebbe dedicare un monumento -o magari addirittura un intero museo- a queste esultanze mancate. E, magari nella stessa piazza, bisognerebbe farne anche uno per i treni che non si è riusciti a prendere, per gli amori che si è scelto di non vivere e per le canzoni che nessuno ha mai ascoltato o che l'autore, per qualche motivo, non è riuscito a completare. Proprio come la canzone che io ho cercato di scrivere per Valeria, senza mai riuscire a trovare il ritornello giusto."

a proposito di stefano cucchi

2 novembre 2014

Per poco più di due anni, fra il 2011 e il 2013, ho portato avanti un progetto che cercava di regalare qualche momento di svago e di riflessione, sotto forma di musica e parole, ai ragazzi del terzo reparto del carcere di San Vittore. E' anche per questo che tutto ciò che riguarda la triste vicenda di Stefano Cucchi mi suona come un pugno nello stomaco: di ragazzi come lui ne ho conosciuti tanti, ho avuto la fortuna di confrontarmi molte volte con loro in modo davvero sincero e profondo, e ho avuto modo di vedere con i miei occhi cos'è davvero il carcere. E credo sia stata una delle esperienze che più mi ha arricchito umanamente nel corso della mia vita.
Vicende come la tragedia di Cucchi non dovrebbero essere nemmeno concepibili, in un Paese civile: questa è l'unica cosa che ha davvero senso affermare. Tutto il resto è solo aria malsana, comprese le sentenze e l'arroganza con cui il potere cerca per l'ennesima volta di insabbiare la verità.
Mi sentirei però di dire una cosa ai vari Giovanardi e ai troppi tuttologi che in questi giorni si riempiono la bocca di discorsi assurdi: prima di sparare altre cazzate, dovreste avere l'umiltà di andare a parlare con i ragazzi come lui, ascoltare le loro storie e scoprire chi sono realmente. Almeno sapreste di cosa state blaterando e forse imparereste qualcosa.

lavorando per sottrazione

15 ottobre 2014

Sono giorni confusi. Sto lavorando molto, forse anche troppo, ma lo sto facendo, un po' in ogni ambito, soprattutto per sottrazione: scavando, togliendo tutto ciò che non è strettamente indispensabile, cercando di avvicinarmi all'osso e ai nervi delle cose. Ho anche ripreso un manoscritto che mi accompagna ormai da parecchio tempo e l'ho ridotto a meno di due terzi di lunghezza di ciò che era.
Sono giorni dall'atmosfera apparentemente sospesa, ma sotto la cenere le cose piano piano si muovono. Attendo solo che si posi un po' di polvere, per capire bene che direzione sto prendendo e poterla imboccare con decisione.

lascio neverlab

2 ottobre 2014

Mi sembra giusto comunicare che ho lasciato Neverlab.
Sono stati due anni e mezzo pieni di progetti, di eventi e di momenti da ricordare, per cui non posso che essere grato al collettivo per il percorso condiviso ma, anche nelle storie più belle, può capitare che a un certo punto, in tutta serenità, ci si renda conto che le singole sensibilità stanno prendendo direzioni diverse e le strade si dividano. Tutto qui. O magari è solo la mia solita indole a cercare più la fuga solitaria che il treno per la volata di gruppo.
In ogni caso auguro il meglio a chi continuerà a portare avanti quella che considero sempre, nell'idea di fondo, una magnifica utopia (nel senso migliore del termine).

un brindisi a piero

28 settembre 2014

Oggi Piero Ciampi avrebbe compiuto ottant'anni.
Per quanto mi riguarda, resta un esempio assoluto di come si possa sbriciolare il confine fra vita e poesia, facendo scaturire un'enorme forza poetica proprio dal mettere a nudo i propri disequilibri, senza pose né falsi intellettualismi.
Tanti auguri, Piero! Un brindisi a te.