aspettando il 2022...

30 dicembre 2021
 
Il 2021 mi sembra essere durato almeno un decennio, probabilmente anche per via del fatto che, come ampiamente previsto, il mondo che abitiamo oggi è davvero distante da quello in cui vivevamo a gennaio e molte cose che a inizio anno sarebbero parse a chiunque inaccettabili sono ormai entrate serenamente nell’uso comune della maggior parte di noi.
È stato un anno tragico in cui le fondamenta del nostro vivere civile e del nostro poterci definire esseri umani sono state scosse nel profondo, anche se personalmente so di essere stato un privilegiato e avere vissuto una serie di colpi di fortuna che mi hanno permesso finora di galleggiare sul caos generale in modo meno ostico rispetto alla gran parte dei miei connazionali. Ma forse questa consapevolezza mi ha fatto sentire ancora di più la responsabilità di dover dire ostinatamente "no" alla deriva imboccata e, anche per questo motivo, è stato un anno di piazze, di urla a squarciagola e di lotte che sono ben lontane dal concludersi.
Il grigio piovuto dall’alto, poi, non deve farmi dimenticare i momenti belli vissuti grazie alla ripubblicazione de “L’uomo a pedali”, anche se resterà il piccolo rimpianto di non avere potuto portare quel percorso fin dove mi ero promesso. Ma è stato giusto così: non c’erano più i presupposti per continuare serenamente quella strada.
Cosa posso aspettarmi dal 2022? Sicuramente ancora tantissimo grigio che non smetterà di piovere dal cielo fino forse a diventare nero, ma spero anche la stessa voglia di continuare a non chinare il capo. Per questo, se devo esprimere un desiderio per il nuovo anno, voglio pensare in grande: vorrei arrivare al prossimo trentuno dicembre ancora pienamente in pace con me stesso, con la mia coscienza e con tutto ciò che sono.