di sorprese, di aeroplanini e di torte fritte

8 gugno 2014

Mi mancava, l'emozione di raccontare le mie storie, improvvisare le mie poesiole e lanciare i miei aeroplanini di carta.
Certo, l'inverno passato in giro per l'Italia con la combriccola di Neverlab a dare voce a "Nicovid" di Miky Marocco è stata un'esperienza molto significativa che mi ha lasciato tantissimo, ma una piccolissima parentesi dedicata alle mie ombre iniziava a essere (per me) necessaria e di certo non poteva capitare in un'occasione migliore della serata di ieri a Fidenza.
Bel posto. Bella accoglienza. Bellissime sorprese. Bella alchimia fra tutte le componenti che hanno accompagnato questi miei ultimi mesi. Non posso che essere contento.