"Il sangue di Tommaso" di Paolo Pelizza

“Il sangue di Tommaso” di Paolo Pelizza è un romanzo che mi ha colpito parecchio. Mi ha colpito perché si presenta come un noir e, in effetti, si basa su un intreccio poliziesco estremamente intrigante e ben strutturato, ma credo sia soprattutto un romanzo fortemente introspettivo che scava nelle miserie umane di ciascuno di noi, nelle condanne senza appello che ci sappiamo autoinfliggere e nei sensi di colpa che ci condizionano fino a farci perdere il contatto con noi stessi.
È una storia potente, dolorosa e ricca di sfaccettature e di vita. Mi ha fatto davvero molto piacere poterne scrivere la prefazione e sono stato lietissimo di affiancare Paolo al Twelve di Milano in occasione della presentazione ufficiale del libro.
Quella di ieri è stata una serata piacevole, informale e soprattutto capace di concentrare attorno a Paolo Pelizza e al suo romanzo una mole di affetto e attenzione tanto enorme quanto meritata. Una bella serata estiva di chiacchiere all’aperto arricchita dalle incursioni dell’amico poeta Massimiliano Morelli, del “presidente” Claudio Formisano e della libreria “Covo della ladra”, proprio nel cuore di quella Milano che il “Il sangue di Tommaso” ritrae in modo spietato in ogni sua contraddizione.