leggendo george gray

30 gennaio 2013

Ci sono due cose che mi sono sempre piaciute del fare reading: avere la possibilità di poter riassaporare, mettendole in scena con le mie letture, alcune emozioni importanti e, al tempo stesso, ridare continuamente nuova vita alle mie parole, riscoprendo spesso significati e sfumature diverse a seconda dei momenti. Tutto questo è un lusso non da poco, credo.

 Gli spettacoli dello scorso week-end sono stati probabilmente i miei migliori di sempre. Soprattutto quello di domenica al Pintupi. Ho ritrovato sensazioni che mi mancavano da un po'. Ed è stato emozionante lasciarsi alle spalle alcune paranoie inutili che avevano accompagnato la prima parte della promozione dell'ultimo romanzo per tornare a lanciare il mio aeroplanino di carta, farmi cullare dalla malinconia di attimi che continuano ad avere un'importanza enorme e lasciarmi accompagnare da foto che per me hanno un significato particolare. Così come è stato divertente condividere, con la massima spensieratezza, il palco con Torria del Verbal, che ha improvvisato in modo magnifico sull'onda delle mie letture durante il reading a Milano, e con i Pocket Chestnut, compagni dell'avventura al Pintupi. Credo di avere ritrovato uno spirito e una genuinità che spesso negli ultimi mesi mi era mancata.

 Ci sarebbe anche un ringraziamento particolare da fare, per questo. Ma preferisco farlo in privato.