nicovid di miky marrocco

14 gennaio 2014 

In questi giorni sta uscendo "Nicovid", il nuovo libro del mio amico Miky Marrocco.
E' qualcosa a cui tengo particolarmente: non solo perché è la seconda uscita della collana Neverlab Libri, inaugurata una quindicina di mesi fa dal mio "Suonando pezzi di vetro"; e nemmeno soltanto perché Miky è una persona che, sia sul piano umano che su quello artistico, nell'ultimo periodo mi ha sorpreso; né solamente perché negli ultimi mesi ho seguito passo a passo l'avvicinamento a questa uscita quasi come se fosse un mio lavoro.
E' un libro particolare, difficile da gestire e impregnato da un'inquietudine profonda che si riversa in un universo estremamente sfaccettato e cupo. Molto denso. Decisamente psicotico. Non anticipo nulla sulla trama, anche perché la sinossi la si può trovare un po' ovunque, però ribadisco che merita davvero una lettura attenta.
Per tutti i motivi sopra citati, nei prossimi mesi continuerò a seguire da vicino la promozione di "Nicovid" e spesso sarò ospite di Miky durante le sue presentazioni, prestando la mia voce ai suoi racconti. Il primo appuntamento è domenica (19 gennaio), alle 19.00, al Marelli 79 di Sesto San Giovanni per la presentazione ufficiale in cui, oltre a me, accanto a Miky ci saranno anche diversi altri ospiti, fra letture, musica e visioni.