Categoria: diario

  • guardando “Kissing Gorbaciov”

    Qualcuno ricorderà che qualche mese fa ho intervistato i registi del documentario “Kissing Gorbaciov“, che all’epoca era ancora in fase di montaggio. Ora il film è uscito e, dopo averlo visto, posso confermare che è molto interessante.
    Il progetto, come è noto, racconta lo scambio culturale avvenuto alla fine degli anni ’80 fra Italia e Unione Sovietica, con un festival in un paesino del Salento che vide sul palco anche alcune band provenienti da oltre la cortina di ferro a cui fece seguito un mini tour di CCCP, Litfiba, Rats e Misti & Missis a Mosca e Leningrado. Un racconto particolarissimo fatto dalla viva voce di chi l’ha vissuto in prima persona (con i CCCP ovviamente protagonista assoluti) e arricchito da diverse riprese dell’epoca che ritraggono sia momenti live che frammenti dell’organizzazione e del viaggio.
    Un film che rappresenta una testimonianza davvero densa che porta a gettare lo sguardo su un’Italia diversissima da quella attuale, sul mondo sovietico a un passo dal crollo del muro di Berlino, su un’esperienza decisamente fuori dagli schemi e su un momento di passaggio cruciale sia sul piano storico che su quello artistico, ma forse anche una fonte di spunti di riflessione sul nostro presente.
    Ne ho parlato in modo più approfondito sul sito di Rock Targato Italia.

    guardando “Kissing Gorbaciov”
  • due chiacchiere con Lorenzo Del Pero

    Le interviste che faccio periodicamente per i canali di Rock Targato Italia sono una bella occasione per fare due chiacchiere con persone che stimo. Con Lorenzo Del Pero non abbiamo mai avuto occasione di incontrarci di persona ma da tempo ammiro la sua voce potentissima e soprattutto la sua scrittura spigolosa piena di immagini evocative ma capace di esprimere uno sguardo caustico sul mondo. La chiacchierata con lui, oltre a confermarmi di avere a che fare con un artista purissimo, mi ha fatto scoprire anche una persona dotata di un’umiltà spiazzante.

    due chiacchiere con Lorenzo Del Pero
  • gli ascolti di febbraio 2024

    Anche il mese più corto dell’anno non può iniziare senza rispettare il tradizionale appuntamento con la mia rubrica dedicata ai consigli musicali sul sito di Rock Targato Italia. Questa volta racconto i nuovi lavori di Paolo Benvegnù, En Roco, Emiliano Mazzoni, I Pixel, Marco Cantini, Zero.55 e Inside The Hole.

    gli ascolti di febbraio 2024
  • “Felicitazioni!”, la mostra sui CCCP

    Ci sono diverse similitudini fra il tempo presente e gli anni ’80, a partire dalle costanti tensioni mondiali fino al clima di smobilitazione intellettuale e la sensazione di stare ballando incessantemente aspettando la fine di qualcosa. Forse anche per questo molte canzoni dei CCCP suonano più attuali che mai e la mostra a loro dedicata a Reggio Emilia sta avendo un successo enorme.
    Da grande estimatore di Giovanni Lindo Ferretti in ogni sua incarnazione, non potevo non visitare l’esposizione e devo dire che è qualcosa di davvero affascinante che porta a immergersi totalmente nell’immaginario della band in ogni sua sfaccettatura. Merita assolutamente di essere assaporata e ne ho parlato anche in modo più dettagliato sul sito di Rock Targato Italia.

    “Felicitazioni!”, la mostra sui CCCP
  • la triste fine degli artisti

    C’è una strana anomalia che in questi tempi mi è capitato di notare con una certa frequenza: sembra che la maggioranza degli artisti, che come diceva De André dovrebbero essere una sorta di anticorpo che difende la società dagli eccessi del potere, abbia scelto di invertire il proprio ruolo ed ergersi a difensore dello status quo o al massimo unirsi a qualche coro fumoso perfettamente in linea con l’andamento generale delle cose. Pare che la critica verso i potenti e la capacità di sviluppare pensieri indipendenti vengano sempre più spesso soppiantate da una sorta di sarcasmo rancido verso il nemico pubblico mediatico del momento o verso le voci non allineate, finendo con l’alimentare quell’infantile gioco di infinite divisioni fra poveri che ormai è una vera piaga sociale.
    Certo, per fortuna c’è ancora qualche eccezione, anche se si tratta per lo più dei soliti vecchi noti e qualche sporadica bella sorpresa, ma la cosa mi sembra parecchio triste. Anche perché, per quanto non si tratti certo una tendenza nuova, ho la sensazione che in quest’ultimo periodo la deriva si stia acuendo sempre di più. “E pensare che c’era il pensiero”, diceva Gaber.

    la triste fine degli artisti
  • LeggendoInsieme segnala “La prima ultima volta”

    Non ho ancora idea di cosa potrà riservare il 2024. In attesa di scoprirlo, però, i miei libri continuano a girare per il mondo con le proprie gambe e ieri il blog letterario LeggendoInsieme, che tempo fa aveva recensito con entusiasmo anche “L’uomo a pedali“, ha segnalato sulle proprie pagine “La prima ultima volta“.

    LeggendoInsieme segnala “La prima ultima volta”
  • gli ascolti di gennaio 2024

    Gennaio ha sempre un’aria stranamente transitoria. I buoni propositi sono già dimenticati, le luminarie spente in attesa di essere rimosse vegliano malinconicamente sul grigio delle strade e ognuno cerca di muovere i primi passi incerti sul terreno instabile del nuovo anno. In mezzo a tutto questo, sul sito di Rock Targato Italia torno a parlare di musica raccontando i nuovi album di Narratore Urbano, Carver, Tommaso Imperiali, Marco Ancona, Rebis e Autune.

    gli ascolti di gennaio 2024
  • …aspettando il 2024

    “…e l’anno che è passato è solo un anno che se n’è andato via”, cantava il professor Vecchioni in un suo brano minore.
    Del 2023, a livello personale, potrò sicuramente ricordare la pubblicazione de “La prima ultima volta” insieme a Vanna Mazzei: un’esperienza totalmente diversa rispetto a tutti i miei lavori precedenti che però credo esprima riflessioni importanti e soprattutto è servita a lasciare una traccia concreta di una collaborazione preziosa tanto sul piano letterario quanto su quello umano. Oltre a questo ci sono stati tanti chilometri percorsi, con il cammino de “L’uomo a pedali” che ha continuato ad andare avanti facendomi vivere diversi bei momenti.
    Dunque, senza promesse e senza propositi ma con gli occhi sempre bene aperti sull’incessante declino del mondo, prepariamoci ad appendere al muro un nuovo calendario. E l’unica cosa che mi sento di dire a riguardo è che, tutto sommato, per quanto l’ottimismo non sia mai stato il mio forte, un anno che inizia promettendo, fra le altre cose, la reunion dei CCCP e quella degli Estra, qualcosa di buono lo dovrà pur portare con sé.
    Buon anno!

    …aspettando il 2024
  • Buon Natale!

    Buon Natale!
    Che quelli che stanno arrivando possano essere per tutti giorni colmi di calore e serenità.

    Buon Natale!
  • Più Libri Più Liberi 2023

    Quella di quest’anno è stata la mia decima partecipazione a Più Libri Più Liberi. La fiera romana è dunque un contesto che mi è familiare ormai da tempo ed era naturale che il cammino promozionale de “La prima ultima volta” dovesse passare anche di lì.
    Proprio qualche giorno fa dicevo che in questi tempi confusi c’è bisogno di certezze a cui appoggiarsi e senza dubbio anche questa volta posso confermare che fra le sicurezze a cui mi fa sempre piacere affidarmi posso annoverare anche l’atmosfera di Roma a inizio dicembre, gli incontri spesso sorprendenti che si fanno fra i corridoi variopinti della fiera e ancora di più i sorrisi degli amici di Edizioni del Faro che mi supportano con affetto e tenacia fin dai miei esordi.
    A distanza di poco più di sei mesi dalla pubblicazione de “La prima ultima volta“, credo di potermi dire soddisfatto di tutto ciò che anche questo progetto così particolare e spigoloso ha saputo portare con sé strada facendo. La scrittura di quel romanzo è stata un’esperienza umana incredibile per via del continuo confronto con Vanna Mazzei durato più di un anno, ma anche dopo la pubblicazione, come ha confermato anche l’esperienza romana, ha saputo continuare a regalare dei bei momenti e degli incontri positivi.

    Più Libri Più Liberi 2023
  • gli ascolti di dicembre 2023

    C’è bisogno di qualche certezza, ogni tanto, per sopravvivere a questi tempi confusi in cui le uniche cose sicure sembrano essere le continue ondate anestetiche di indignazione a comando. Per fortuna almeno in ambito musicale qualche certezza autentica riesce ancora a sopravvivere e in quest’ultimo scampolo di 2023 sono usciti nel giro di poche settimane i nuovi album di alcuni artisti che rappresentano ormai da parecchio tempo dei nomi su cui si può sempre contare. Così, nella mia abituale rubrica dedicata ai consigli musicali sul sito di Rock Targato Italia, in questo freddo dicembre, racconto i nuovi album di Lorenzo Del Pero, Bachi Da Pietra, Pieralberto Valli, Massimo Pericolo, Non Voglio Che Clara, Paolo Saporiti.

    gli ascolti di dicembre 2023
  • “La prima ultima volta” alla fiera di Roma

    Venerdì (8 dicembre), dalle ore 16 alle 18, sarà possibile incontrarmi allo stand di Edizioni del Faro alla fiera Più Libri Più Liberi di Roma.
    La fiera romana è un contesto che mi diverte sempre e a cui sono affezionato ormai da parecchio tempo, per cui mi fa piacere tornarci anche quest’anno per chiudere il cerchio de “La prima ultima volta” nel più classico dei modi.

    “La prima ultima volta” alla fiera di Roma
  • La tragica situazione delle strade italiane

    Esattamente un anno fa, fra le ruote di un camion, finiva la vita di Davide Rebellin. Ci sarebbero molte cose da dire a riguardo ma forse il modo migliore per ricordarlo è provare a riflettere su quanto la drammatica pericolosità delle strade del nostro Paese sia, in quest’ultimo anno, ulteriormente peggiorata.
    Purtroppo continua a esserci ben poca coscienza della responsabilità che ci si carica sulle spalle quando ci si mette alla guida di un veicolo e di quanto alcuni comportamenti siano pericolosi, inclusa la mancanza di distanza laterale quando si sorpassa, che è un aspetto che purtroppo chi non ha mai pedalato non può comprendere ma che resta in assoluto il più grande pericolo per i ciclisti. Per cambiare davvero qualcosa servirebbe una drastica inversione di rotta culturale: dovremmo darci tutti quanti una calmata rispetto alla folle frenesia imperante e imparare a tutelare i più fragili e rispettare chi compie scelte diverse dalle nostre. Il che vale poi anche per parecchi altri ambiti. Ma mi rendo benissimo conto che, allo stato attuale delle cose, sia una totale utopia.

    La tragica situazione delle strade italiane
  • due chiacchiere con Pieralberto Valli

    “L’irrilevanza del vero” di Pieralberto Valli è, così come i due romanzi precedenti dello stesso autore, un enorme pozzo di spunti di riflessione sul mondo contemporaneo e sulla natura dell’essere umano. In questo caso poi il libro, che a mio avviso si può tranquillamente accostare alle opere di Huxley o di Orwell, è diventato anche un disco e uno spettacolo, a riprova della capacità dell’artista di portare la propria sensibilità in mondi diversi mantenendone intatta la forza espressiva.
    Ieri sera ho avuto occasione di fare una bella chiacchierata con Pieralberto sviscerando, fra le altre cose, alcune delle tematiche importantissime presenti nei suoi lavori ma parlando anche di altro. La chiacchierata è ovviamente diventata un’intervista, pubblicata sui canali di Rock Targato Italia, che credo meriti di essere ascoltata sia per scoprire il particolare approccio dell’artista che per riflettere su tematiche vitali come il transumanesimo o la sfaldamento di ogni forma di verità.

    due chiacchiere con Pieralberto Valli
  • gli ascolti di novembre 2023

    Siamo arrivati a novembre e anche il 2023 si avvia alle battute finali, mentre i potenti della Terra continuano a spingere ostinatamente verso uno sfacelo a cui ci stiamo tristemente abituando, i mantra di regime non smettono di mutare continuamente contraddicendosi di mese in mese e l’atmosfera da impero in attesa di un qualche crollo continua a pervadere tutto ciò che accade sopra le nostre teste. In mezzo a tutto questo però, anche questo mese, proviamo a riprendere fiato tornando a parlare un po’ di musica. Questa volta, nella mia abituale rubrica sul sito di Rock Targato Italia, racconto i nuovi album di Petramante, Karma, Giorgio Canali, Ligabue, Caputo e Sanlevigo.

    gli ascolti di novembre 2023
  • il Bike Team Malgrate e “L’uomo a pedali”

    Qualcuno forse avrà notato che nelle foto delle ultime avventure su due ruote non uso più le mie divise marchiate “L’uomo a pedali“.
    Il fatto è che sono sempre stato un pedalatore solitario proprio come il protagonista del mio romanzo ma, per questioni burocratiche, a partire da quest’estate, per poter continuare a partecipare a determinati eventi sono stato costretto a entrare in una squadra. Per questo negli ultimi mesi mi sono unito al Bike Team Malgrate capitanato dal simpaticissimo Roberto Il Maggio (titolare anche di un interessante canale video): una realtà estremamente genuina capace di vivere l’amore per la bicicletta in modo accorato ma con la dovuta leggerezza e una grandissima attenzione agli aspetti umani.
    Nel fine settimana appena concluso abbiamo chiuso la stagione 2023 con una piccola sfida in famiglia nel lecchese ed è stata una mattinata davvero divertente in ottima compagnia. Ci rivedremo sicuramente sulla strada anche nella prossima stagione.

    il Bike Team Malgrate e “L’uomo a pedali”
  • su Icarus Ultra con La Pellegrina Bike Marathon

    Come accennato, la scorsa settimana è andato in onda su Sky, all’interno della trasmissione Icarus Ultra, un servizio sulla Pellegrina Bike Marathon che ha visto anche una mia piccola partecipazione per raccontare il percorso dedicato al ciclismo su strada. Ora il servizio è disponibile anche on line sulle pagine della trasmissione e credo meriti di essere visto per assaggiare la genuinità dell’atmosfera della manifestazione e il fascino dei paesaggi della Val Susa.

    su Icarus Ultra con La Pellegrina Bike Marathon
  • un piccolo ricordo delle finali di Rock Targato Italia 2023

    Solo un piccolo ricordo della bella serata del 21 settembre scorso al Rock’n’Roll di Milano per le finali di Rock Targato Italia.
    In questi giorni sui canali della stessa Rock Targato Italia stanno uscendo una serie di interviste, curate dalla sempre bravissima Nyva di Rocker TV, a tutti i protagonisti della serata.
    Tra queste, anche una piccola chiacchierata fra me, Nyva e Francesco Caprini che ricorda come io e Francesco ci siamo incontrati ormai parecchi anni fa e come, quando avevo ancora i capelli lunghi, sono entrato nella famiglia di Rock Targato Italia.

    un piccolo ricordo delle finali di Rock Targato Italia 2023
  • due chiacchiere con Battista

    Era da prima della pausa estiva che non facevo un’intervista per Rock Targato Italia, dunque mi fa piacere ripartire proprio con un artista che stimo parecchio: Battista. Un musicista che ha una scrittura davvero personale, che sta facendo un percorso sonoro sempre più importante e “disturbante”, ma che soprattutto riesce a comunicare una visione del mondo parecchio abrasiva, spesso provocatoria ma sempre estremamente lucida. La chiacchierata che ho fatto con lui è stata una piacevolissima conferma della stima che già nutrivo nei suoi confronti dopo avere ascoltato le sue canzoni e in particolar modo il suo ultimo album intitolato “La fogna del comportamento”.

    due chiacchiere con Battista
  • “La prima ultima volta” fra Edita e Una Ghirlanda Di Libri

    Le ultime due domeniche, come preannunciato, le ho dedicate a portare, insieme al gruppo di autori “Creazioni D’Inchiostro” con cui avevo già avuto modo di rapportarmi qualche mese fa, “La prima ultima volta” a due interessanti fiere dedicate alla piccola editoria: “Edita” a Milano e “Una Ghirlanda Di Libri” a Cinisello Balsamo (MI).
    Sono state due giornate serene e piacevoli. D’altra parte il mondo della piccola editoria è qualcosa di rassicurante, sempre animato da grande entusiasmo e una certa dose di sana ingenuità. E per fortuna anche da parte del pubblico mi pare si sia riscontrato un interesse di certo lontano da quello di una folla oceanica ma comunque incoraggiante e per nulla banale.
    Fa piacere che, anche in questi anni in cui tutto deve essere veloce e spettacolare, ci siano ancora persone che hanno voglia di immergersi in simili eventi, sbirciare fra i libri e lasciarsi incuriosire.

    “La prima ultima volta” fra Edita e Una Ghirlanda Di Libri

Archivio:

I miei libri:

Contattami: