• gli ascolti di dicembre 2022 – prima parte

    Dicembre. Il freddo si fa pungente e molti iniziano a fare i conti con le bollette dagli importi portati deliberatamente sempre più fuori controllo. Tutto sembra raddoppiare e al tempo stesso la società sembra spaccarsi sempre più in due. Così, in questo mese di dicembre, anche l’appuntamento con la mia rubrica dedicata ai consigli musicali sul sito di Rock Targato Italia raddoppia. Nella prima parte, pubblicata oggi, parlo di Luca GemmaBattistaPetrina e Bob Balera.

  • ciao Davide

    La tragedia di Davide Rebellin mi sta lasciando una tristezza enorme. Rebellin è stato un personaggio splendido di cui ho seguito con affetto la parabola sportiva fin dagli esordi nella prima metà degli anni ‘90, di cui ho sempre stimato il garbo nell’affrontare sia i trionfi che le sconfitte e le troppe ingiustizie subite dai media e dalle varie federazioni, e che ho amato più che mai in questi ultimi anni in cui, quasi come un personaggio da fiaba, ha dimostrato una tenacia monumentale nel non arrendersi allo scorrere del tempo. Credo che la sua storia parli da sé, ma probabilmente la sola storia non basta a spiegare tutto quanto.
    Forse ad addolcire la tristezza può esserci solo l’inutile romanticismo del pensare che in fondo uno come lui poteva andarsene via solo così: in sella alla sua bicicletta facendo ciò che più amava.
    Oltre alla tristezza però c’è anche una punta di rabbia perché sappiamo tutti che il ciclismo è qualcosa che comporta per sua natura dei rischi ma, con la mancanza di educazione al rapporto con utenti diversi dalle automobili, l’incattivimento sociale e la folle frenesia di questi anni, le strade del nostro Paese si stanno trasformando sempre più in una giungla in cui non c’è la minima attenzione per i più fragili e chiunque non abbia un motore potente è visto solo come un ostacolo da scavalcare nel più breve tempo possibile anche a costo di rischiare di travolgerlo. Credo che su questo tema occorrerebbe fare una seria riflessione sociale perché la situazione, come può testimoniare chiunque faccia anche solo una manciata di chilometri in bicicletta, è davvero drammatica.

  • verso Roma 2022

    Finora il percorso de “L’uomo a pedali” ha seguito, sia per scelta che per necessità, strade decisamente insolite per un romanzo, con parecchi chilometri percorsi sui pedali e praticamente nessuna apparizione in contesti canonicamente letterari. In quest’ultimo scorcio di 2022 però ho voglia di tornare a fare anche qualcosa di diverso, così venerdì 9 dicembre, dalle 16.00 alle 18.00, sarò a Roma, ospite dello stand di Edizioni del Faro (stand G54) alla fiera Più libri più liberi, per incontrare i lettori e fare due chiacchiere con chi vorrà passare a salutarmi. È da tanto che non faccio un incontro di quel tipo, dunque sono molto contento di tornare a buttarmi nel caos della fiera.

  • dieci anni suonando pezzi di vetro

    In questi giorni “Suonando pezzi di vetro” ha compiuto dieci anni e, dopo tanto tempo, credo di non essere ancora riuscito a trovare un equilibrio nel mio rapporto con quel romanzo: un dettaglio abbastanza curioso visto che uno dei temi del libro è anche il rapporto complesso fra un artista, le proprie opere e il resto del mondo.
    In realtà mi capita spesso di pensare che quello sia uno dei miei lavori meglio riusciti. Credo sia un romanzo che parla di istanti di passaggio e di quanto può essere ostico per determinate persone incastrarsi fra le regole basilari dell’esistenza che tutti conosciamo: un tema che, a ben vedere, nei miei libri ritorna spesso, però in quel romanzo credo lo faccia con una forza particolare data forse anche dal fatto che il protagonista è un musicista e la storia è ambientata fra le contraddizioni del mondo polveroso della musica indipendente, il che mi ha permesso di fare esplodere molte sensazioni in modo abbastanza forte raccontando un ambiente che conoscevo bene. Tra l’altro credo sia anche il libro su cui, almeno come numero di stesure, ho lavorato meno, e forse anche questo ha contribuito a enfatizzare quell’aura di intimità e schiettezza mantenendo viva la fragile impulsività degli appunti iniziali. O almeno così mi sembra di ricordare, visto che non lo rileggo da una vita.
    Credo che il mio rapporto con quel libro si sia complicato soprattutto per via di un percorso promozionale vissuto in modo piuttosto convulso, come se l’irruenza del libro fosse filtrata anche lì senza che io fossi preparato a gestirla, il che mi ha portato ad allontanarmene fin troppo in fretta uscendone piuttosto frastornato. Però, se non altro, tutto questo è servito a insegnarmi il tipo di corazza di cui devi munirti e la serenità che costruirti attorno prima di lanciarti nella pubblicazione di un nuovo romanzo.

  • gli ascolti di novembre 2022

    Districarsi nella selva delle uscite discografiche autunnali è un lavoro non da poco: un’impresa seconda forse solo alla ricerca di un grammo di verità minimamente rilevante fra le pagine di un qualsiasi giornale italiano, quanto a impegno richiesto. Anche se per fortuna con i dischi abbiamo molte più possibilità di ottenere qualche soddisfazione.  Dunque, anche in questo novembre confuso torna la mia consueta rubrica dedicata ai consigli musicali sul sito di Rock Targato Italia. Questa volta parlo delle nuove uscite di Manuel AgnelliMàdregaRoberto CasanoviTheft Giacomo GrassoMeg Jack Anselmi.

    [clicca qui per leggere l’articolo]

Archivio:

I miei libri:

Contattami:

Strava