Categoria: diario

  • rileggendo “Schegge di vetro”

    Ultima settimana d’inverno. E oltre il vetro della finestra c’è ancora la neve fresca. Bella ironia, no? Ha nevicato tutta la mattina, oggi. Ha nevicato anche sulla Milano-Sanremo, ieri. Ha nevicato a dispetto di tutto quanto, compreso me. Ha nevicato e basta.
    In questi giorni ho avuto modo di rileggere “Schegge di vetro” con un’ottica più rilassata, una volta uscito dal caos della pubblicazione e della presentazione, e devo dire che sono proprio contento del risultato finale e del modo in cui ogni partecipante ha saputo catturare una diversa sfumatura e lasciare una propria impronta umana ancor prima che letteraria.
    Inizialmente, con i ragazzi di Neverlab, si era pensato di chiudere il progetto con un mio contributo, ma in questi mesi sento di avere davvero poco di nuovo da dire, così ho preferito chiamarmi fuori e limitarmi a invitare a scrivere per noi alcuni degli autori -e soprattutto delle persone- con cui la mia strada si è incrociata in questi ultimi anni e che, in qualche modo, hanno lasciato una qualche impronta in me o nel mio lavoro. E credo che la scelta sia stata più che mai azzeccata: qualcuno è riuscito ad ampliare gli orizzonti di ciò che io avrei potuto dire andando a suggerire strade inaspettate, mentre altri hanno affondato a sangue le unghie esattamente dove anche io sentivo che era necessario farlo. Davvero, non avrei potuto e saputo fare di meglio.
    Insomma, sono contento dei frutti di questo progetto e di tutti i colori che lascia emergere. Per quando mi riguarda, credo possa essere anche una sorta di bella epigrafe per un capitolo molto lungo del mio percorso personale. Ma intanto fuori la neve è ancora fresca e oggi ha nevicato tutta la mattina, anche a dispetto dei miei pensieri. Ed è l’ultima settimana d’inverno.

    p.s.: in ogni caso, casomai qualcuno non lo avesse ancora letto, “Schegge di vetro” è sempre disponibile in download gratuito.

    rileggendo “Schegge di vetro”
  • intervista su RecensioniLibri.org

    «Sono fondamentalmente un “romantico rincoglionito”: uno di quelli che si illudono (o illudono i lettori) di scrivere storie intimiste e tormentate, ma finiscono in realtà, loro malgrado, col cadere sempre nella stessa storia d’amore»: dopo la recensione di qualche giorno fa, il portale RecensioniLibri.org ha scelto di approfondire il discorso con un’intervista.

    Clicca qui per leggere l’intervista

    intervista su RecensioniLibri.org
  • recensione su RecensioniLibri.org

    Un chitarrista bloccato dagli amori sofferti e mai raggiunti, un chitarrista assalito da stati d’animo fragili e ricordi dirompenti che trapelano nei versi delle sue canzoni“: così il portale RecensioniLibri.org ha voluto definire il protagonista di “Suonando pezzi di vetro” in una recensione più che lusinghiera in cui si parla addirittura di pagine che “acquistano un sapore dirompente e originale che supera i confini della mera prosa“.

    Clicca qui per leggere la recensione

    recensione su RecensioniLibri.org
  • scarica gratis “Schegge di vetro”

    Neverlab Libri presenta “Schegge di vetro”: una mini-raccolta di racconti offerta in formato elettronico in download gratuito, all’interno della quale sei autori provenienti da percorsi molto diversi fra loro (Vincenzo Di Pietro, Giovanna Astori, Cristian Villa, Luca Barachetti, Letizia Merello, Paola Benedetti) provano a dare vita ad alcuni dei personaggi di “Suonando pezzi di vetro” immaginandone la vita al di fuori del romanzo e trasformandola in una piccola opera a sé stante.
    Un progetto che non è dunque una semplice raccolta di spin-off e non ha nessun intento celebrativo: è semplicemente un esperimento umano e letterario all’interno del quale alcuni frammenti del romanzo diventano il punto da cui altri autori hanno liberamente scelto di far partire altre storie, immaginate e interpretate secondo il proprio stile e la propria sensibilità.

    scarica gratis “Schegge di vetro”
  • Tamburlan(d)o

    In genere non amo raccontare troppo a caldo ciò che mi succede: ho imparato che spesso è meglio aspettare qualche giorno per assimilare meglio le sensazioni ed evitare qualche banalità di rito. La vera forza della serata a Solza è stata però proprio l’enorme spontaneità, per cui questa volta va bene così.
    Il Tamburlano è decisamente il posto che mancava, da queste parti: ambiente accogliente, atmosfera familiare e distesa, personaggi caratteristici, tanta voglia di fare e gestione fuori dagli schemi. Bello davvero. E’ stato un piacere enorme aver avuto la possibilità di contribuire proprio al week-end inaugurale ed è fin troppo facile prevedere che quel posto diventerà nei prossimi mesi un punto di ritrovo fisso.
    La serata di ieri è stata intrisa proprio di quell’atmosfera: divertente, informale ma tremendamente poetica, con la musica delicatissima di Àlia, l’emozione palpabile di Cristian Villa, la malinconia penetrante della mia “neo sorella di drink” Letizia Merello e la genialità sempre sorprendente di Luca Barachetti. E il mio semi-inedito “George Gray” letto in apertura per scoprire fin dall’inizio i (miei) nervi più profondi. Bello.
    Ormai i primi veli a “Schegge di vetro” sono stati tolti. Ancora una manciata di ore poi tutti potranno scaricarlo gratuitamente e farlo proprio.

    Tamburlan(d)o
  • “schegge di vetro”, il reading-concerto

    L’idea è partita qualche mese fa dai ragazzi di Neverlab: contattare alcuni scrittori provenienti da percorsi diversi fra loro e chiedergli di dare vita, secondo il proprio stile e la propria sensibilità, ad alcuni dei personaggi di “Suonando pezzi di vetro”, immaginandone la storia e la vita fuori dal romanzo e trasformandola in un racconto a sé stante.
    Il risultato è una mini raccolta intitolata “Schegge di vetro” che la stessa Neverlab renderà disponibile a partire dall’inizio della prossima settimana, in formato elettronico, in download gratuito dal proprio sito. Ed è un lavoro davvero bello e significativo che coinvolgerà autori che stimo parecchio, ognuno dei quali ha voluto lasciare una traccia profonda. Nei prossimi giorni vedrò di parlarne in modo più approfondito.
    Qualcuno ha però poi pensato che, una volta infranto il vetro, prima di renderne disponibili i cocci, era giusto anche provare a ricomporre i pezzi in modo diverso, dando al tutto una dimensione ancora più viva. Così, sabato 2 marzo, alle 21.30, al neonato circolo Tamburlano di Solza (BG), si metterà in scena un reading-concerto a più voci e più anime che vedrà impegnati sul palco, oltre a tre dei sei autori che hanno contribuito a “Schegge di vetro”, anche me e la musica di Àlia, cantautore delicato fresco fresco d’esordio.
    Questo il comunicato ufficiale che cerca di spiegare lo spirito dell’iniziativa:

    Una storia, come un vetro colpito da un pugno, si frantuma in sei diverse schegge all’interno di ognuna delle quali un personaggio della storia originaria prende vita e se ne va per la propria strada. Per cercare di rimettere insieme i pezzi, gli autori di tre di queste schegge si ritrovano su un palco, invitando anche l’autore della storia originaria e un musicista che condisca il tutto con le proprie canzoni. Questa è l’essenza dei fatti.
    Sabato 2 marzo, alle 21.30, Luca Barachetti, Letizia Merello e Cristian Villa saranno sul palco del neonato Circolo Tamburlano di Solza (BG) per presentare con un reading a più voci “Schegge di vetro”, la mini raccolta di racconti che danno nuova vita -come una serie di spin off- ad alcuni personaggi di “Suonando pezzi di vetro” che Neverlab offrirà in download gratuito sul proprio sito a partire dal 4 marzo (e che, oltre ai tre citati, conterrà anche racconti di Giovanna Astori, Paola Benedetti e Vincenzo Di Pietro). Insieme a loro, in una serata in cui musica e letteratura si fonderanno a meraviglia, ci saranno anche Roberto Bonfanti, autore di “Suonando pezzi di vetro”, e Àlia, musicista il cui EP d’esordio, “Ària”, è in uscita proprio in questi giorni.
    Una festa quadrupla, insomma.
    Si celebra l’uscita di “Schegge di vetro”.
    Si festeggia la nascita del Circolo Sociale Tamburlano.
    Si scoprono le canzoni di “Ària”.
    Si riscopre un pezzetto di “Suonando pezzi di vetro”

    “schegge di vetro”, il reading-concerto
  • giochicchiando con word cloud

    Lo ammetto: con le nuove tecnologie non ho un buon rapporto. Però in qualche modo bisogna pur arrangiarsi, così, per curiosità, ho provato a giochicchiare con un generatore di word cloud, creandone uno per “Suonando pezzi di vetro”.
    Il risultato è questo.

    Ha un qualche significato questa cosa? Sinceramente non ne ho idea. Suppongo di no. Ma, nel caso, accetto smentite.

    giochicchiando con word cloud
  • leggendo George Gray

    Ci sono due cose che mi sono sempre piaciute del fare reading: avere la possibilità di poter riassaporare, mettendole in scena con le mie letture, alcune emozioni importanti e, al tempo stesso, ridare continuamente nuova vita alle mie parole, riscoprendo spesso significati e sfumature diverse a seconda dei momenti. Tutto questo è un lusso non da poco, credo.
    Gli spettacoli dello scorso week-end sono stati probabilmente i miei migliori di sempre. Soprattutto quello di domenica al Pintupi. Ho ritrovato sensazioni che mi mancavano da un po’. Ed è stato emozionante lasciarsi alle spalle alcune paranoie inutili che avevano accompagnato la prima parte della promozione dell’ultimo romanzo per tornare a lanciare il mio aeroplanino di carta, farmi cullare dalla malinconia di attimi che continuano ad avere un’importanza enorme e lasciarmi accompagnare da foto che per me hanno un significato particolare. Così come è stato divertente condividere, con la massima spensieratezza, il palco con Torria del Verbal, che ha improvvisato in modo magnifico sull’onda delle mie letture durante il reading a Milano, e con i Pocket Chestnut, compagni dell’avventura al Pintupi. Credo di avere ritrovato uno spirito e una genuinità che spesso negli ultimi mesi mi era mancata.
     Ci sarebbe anche un ringraziamento particolare da fare, per questo. Ma preferisco farlo in privato.

    leggendo George Gray
  • recensione su La Provincia di Lecco

    Il quotidiano “La provincia di Lecco” ha preso spunto dal reading del 27 gennaio all’Arci Pintupi di Verderio Inferiore (LC) per pubblicare una bella recensione di “Suonando pezzi di vetro”.
     

    Clicca qui per vedere lo stralcio del quotidiano…

    recensione su La Provincia di Lecco
  • specialmente in gennaio

    Un tempo mi veniva naturale sfruttare queste pagine per raccontare il mio personale modo di vivere ciò che mi accade attorno. Ultimamente invece mi rendo conto di avere pubblicato solo una serie di eventi e articoli. Sarà che ogni tanto c’è bisogno di un pochino di silenzio, o forse semplicemente di assimilare meglio le cose prima di poterle raccontare.
    I prossimi giorni saranno comunque parecchio intensi, con due reading uno di seguito all’altro:

    Sabato (26 gennaio) sarò a Milano, allo Spazio Concept (via Vincenzo Forcella, 7), per aprire, in orario aperitivo, la Neverlab Night: un evento gratuito organizzato per celebrare la concomitanza del secondo compleanno di Neverlab con quello dello spazio che ci ospiterà. Il reading inizierà alle 19:00 e dopo di me, nel corso della serata, si susseguiranno sul palco l’ex Hogwash Enrico Ruggeri con l’affascinante progetto sperimentale “Musteri Hinna Föllnu Steina” e i Verbal.

    Domenica (27 gennaio) sarò invece al circolo Arci Pintupi di Verderio Inferiore (LC – via A. Moro, 29 c\o campo sportivo) per una sorta di aperitivo-concerto-reading in cui le mie parole si alterneranno alle canzoni dei Pocket Chestnut. quartetto lombardo che propone un folk dalle tinte psichedeliche davvero piacevole e interessante. L’ingresso sarà gratuito con tessera Arci e anche in questo caso si inizierà verso le 19:00.

    Ovviamente non ho idea di cosa racconterò e quali brani leggerò in queste due occasioni, però sono quasi certo che tornerò a portare con me sul palco qualche aeroplanino di carta che avevo accantonato durante le prime date di presentazione di “Suonando pezzi di vetro”.

    specialmente in gennaio
  • recensione su I-Libri

    E’ un periodo decisamente denso e positivo per “Suonando pezzi di vetro”. Così, dopo GliAmantiDeiLibri e Libreriamo, anche il portale I-Libri ha appena pubblicato una recensione del mio nuovo romanzo.

    Clicca qui per leggere la recensione…

    recensione su I-Libri
  • recensione su gliamantideilibri.it

    Riflessivo, intimo e passionale“: con questi aggettivi il portale GliAmantiDeiLibri ha definito “Suonando pezzi di vetro” in una recensione da poco pubblicata.

    Clicca qui per leggere la recensione…

    recensione su gliamantideilibri.it
  • intervista su Libreriamo

    Il portale Libreriamo ha pubblicato oggi una mia intervista in cui racconto “Suonando pezzi di vetro” e ciò che gli ruota attorno.

    Clicca qui per leggere l’intervista…

    intervista su Libreriamo
  • rinviata la presentazione a Fidenza

    La presentazione di “Suonando pezzi di vetro” alla libreria La Vecchia Talpa di Fidenza (PR), inizialmente prevista per sabato 12 gennaio, è stata rinviata a data da destinarsi.
    Chiedo scusa agli amici emiliani e spero di poter comunicare quanto prima la nuova data.

  • ‘fanculo John Cusack (il video)

    ‘fanculo John Cusack“:  uno dei brani che ha maggiormente segnato i reading di presentazione di “Suonando pezzi di vetro”.
    In realtà questo video avrebbe dovuto essere una specie di pensierino natalizio, ma si sa che arrivo sempre in ritardo: poco importa che sia di dieci minuti, di qualche giorno o di tre anni.

  • catalizzando

    I tre giorni a Roma erano necessari. Nemmeno io mi rendevo conto di quandolo fossero, ma ne avevo decisamente bisogno.

    Sono stati giorni intensi, quelli vissuti nella Capitale, fra il reading negli spazi splendidamente accoglienti Cheese and Cheers, il caos frenetico di “Più libri più liberi”, le pochissime ore di sonno, le copie del libro firmate, lo spirito da gita scolastica, gli sguardi incrociati, i sorrisi di passaggio, gli amici rivisti, le confidenze fragili e stanche, i bicchieri di whisky, i progetti lavorativi, le risate poco lucide, le strade sbagliate e molto altro. Sono stati giorni necessari.

    Mi sono sempre ripromesso di non fare ringraziamenti pubblici per evitare lo sgradevole retrogusto retorico che lasciano sempre, però questa volta devo davvero ringraziare Vincenzo Di Pietro, fedele compagno di ormai tante avventure, che ancora una volta ha voluto mischiare le sue storie con le mie dentro e fuori la scena portando molta sincerità e parecchie energie.

    catalizzando
  • tutte queste parole…

    Sono giorni che mi interrogo sul senso reale di tutto questo scrivere, e trovare risposte non aleatorie sembra sempre più complesso. Probabilmente aveva ragione il professor Vecchioni. Ma forse questo non è il momento per abbandonarsi a queste riflessioni.

    L’incontro con i ragazzi di San Vittore è stato, come sempre, una grande emozione. Varcare il portone del carcere e confrontarsi direttamente con le persone che lo popolano è un’esperienza che tutti dovrebbero fare almeno una volta nella vita: non solo perché quei ragazzi sono la platea più attenta, schietta e vera che si possa incontrare, ma anche perché parlare con loro è sempre un bel modo per arricchirsi umanamente e vedere le cose in una prospettiva completamente diversa e magnificamente concreta.

    Questa prima fase della promozione di “Suonando pezzi di vetro” si chiuderà nei prossimi giorni con una doppia trasferta a Roma: giovedì (6 dicembre), verso le 22.00, farò un reading al Cheese and Cheese Bistrot (via Paola Falconieri, 47b – quartiere Monteverde) all’interno del quale avrò il piacere di ospitare l’amico Vincenzo Di Pietro (che per l’occasione presenterà il suo “Baraonda!”) creando con lui un intreccio molto particolare ed intenso di storie e di pensieri.
    Venerdì (7 dicembre) invece, alle 18.00, passerò a trovare lo staff di Edizioni Del Faro alla fiera “Più libri più liberi” (palazzo dei Congressi – EUR) e sarò loro ospite (stand B20) per un paio d’ore per fare due chiacchiere informali con i passanti.

    tutte queste parole…
  • ‘fanculo John Cusack

    ‘Fanculo John Cusack e la sua inglesina”: sarebbe questo il titolo ideale per questo giro di presentazioni del nuovo romanzo, visto che l’unico punto fermo dei miei reading è da subito diventato il monologo semi improvvisato su “Serendipity” (?) che si arricchisce ogni volta di nuove sfumature e nuovi significati.

    La serata a Rimini è scivolata via piacevole, con un’atmosfera molto distesa e le giuste dosi di malinconia e leggerezza. Ora (martedì mattina) tocca San Vittore: forse l’appuntamento che più mi sta a cuore. O quanto meno quello di cui credo di avere più bisogno in questo momento a livello personale.

    ‘fanculo John Cusack
  • a proposito di Neverlab

    Fra una cosa e l’altra, non ho ancora avuto modo di dire due parole su Neverlab Libri e spiegare cosa rappresenta quel marchio sulla quarta copertina del libro.
    Si tratta di un progetto anomalo, nato dall’incrocio non casuale fra la curiosità dei ragazzi di Neverlab -da tempo attivissimi nel mondo della musica- di provare ad ampliare i loro confini cimentandosi con altre esperienze e la mia esigenza personale, dovuta a diversi fattori, di staccarmi dalle dinamiche dell’editoria tradizionale per cercare nuovi stimoli riappropriandomi di un modo di lavorare più “mio”, confrontandomi con persone che mi conoscono da tempo e provengono da un percorso umano molto vicino a me.

    “Suonando pezzi di vetro” è stato il primo passo: quello che riserverà il futuro credo sia assolutamente impossibile da prevedere. Di certo nei prossimi mesi, con lo stesso marchio, si organizzeranno anche alcuni reading di altri autori, editi da altre realtà, all’interno delle serate musicali firmate dalla stessa Neverlab, come per esempio la presentazione di “Storie dentro storie” (L’erudita Editrice) di Giovanna Astori che si terrà venerdì (23 novembre) a Bergamo, al Polaresco.

    Intanto giovedì (22 novembre), alle ore 21.30, sarò a Rimini per raccontare “Suonando pezzi di vetro” al Circolo Milleluci (via Isotta degli Atti, 8). Vedremo cosa mi riserverà questa volta la costa adriatica…

    a proposito di Neverlab
  • lontano da Hollywood

    Credo di dover raccontare qualcosa sulla serata del Polaresco, anche se sinceramente non so se ne ho voglia, soprattutto per il rischio che si corre sempre in queste occasioni di finire con lo sbrodolarsi addosso dicendosi “quanto siamo bravi, Dio, ma come siamo bravi”.

    Penso che, nonostante il filo di tensione che accompagna ogni nuovo esordio, sia stata una buona presentazione, soprattutto grazie a un finale improvvisato buttando via testi e appunti che per me è stato qualcosa di liberatorio. Credo che quel finale sia stato uno di quei momenti in cui ti guardi alle spalle e finalmente ti sembra di vedere tutto un pochino più chiaro e allora puoi permetterti il lusso di dire (a te stesso) le cose come stanno.

    Probabilmente ci sarebbero anche dei ringraziamenti da fare, ma nei ringraziamenti non sono mai stato bravo. Poi comunque i ringraziamenti sono già tutti lì, fra le righe. Anche nelle parole che, come a volte mi capita, mi hanno preceduto di parecchio.

    lontano da Hollywood

Archivio:

I miei libri:

Contattami: